Avena da aiuto di alcolismo o no

Mai più sole. Donne e Alcol.

Relanium e alcolismo

Secondo Rory Kinsella 11 minuti di pratica permetterebbero di smaltire i postumi di una sbronza e ritrovare energia e benessere.

Il post sbronza, inevitabilmente, si fa sentire. A volte, quando si alza troppo il gomito, il malessere è tale da promettersi di non bere mai più. A svelarlo è stato Rory Kinsellainsegnante di meditazione di Sydney che, in un videoha svelato avena da aiuto di alcolismo o no alleviare sofferenza e disagi, soprattutto dal punto di vista psicologico. Ovviamente, oltre alla mente, bisogna pensare anche al corpo. Per sentirsi fisicamente in forma dunque è importante assumere una corretta alimentazione.

Quali i cibi da prediligere? Che dire, invece, dei succhi di frutta? Possono dare sollievo, ma non tutti. Via libera a mirtillo, ananas o pera. Il rischio? Irritare, piuttosto che calmare, uno stomaco sottosopra.

No anche ai cibi speziati. Possono, infatti, peggiorare la situazione. Scegliere le uova per colazione, ad esempio, potrebbe essere di grande aiuto nel post sbronza.

Sono ricche di proteine, aminoacidi cisteina e taurina. Si possono abbinare a verdure a foglia verde, pomodori grigliati e pane integrale.

I carboidrati a lento assorbimento, provenienti da cereali integrali e verdure, contribuiscono a ripristinare i livelli di energia in calo nel corso della giornata. Una valida alternativa è il porridge. Ma anche aumentare i livelli di avena da aiuto di alcolismo o no nel sangue.